Volete trovare le cause della vostra allergia?

Eseguite un test ematico!

Cos'è un test allergico ematico?

Per la maggior parte dei soggetti allergici, la diagnosi di allergia viene formulata attraverso la pelle, ad esempio con un prick test. I fattori responsabili dell'allergia possono anche essere determinati, in alternativa o in via supplementare, attraverso l'analisi di campioni di sangue.

Allergietest online

Test allergico online

Soffrite di allergia?

Volete sapere subito se i vostri disturbi sono causati da un'allergia? In questo caso concedetevi un momento ed eseguite direttamente il test.

Maggiori informazioni
Facharztsuche

Ricerca di un medico specialista

Cercate un allergologo?

Desiderate curare la vostra allergia? Ecco dove trovare il medico più vicino a voi.

Maggiori informazioni

In quali casi l'esame del sangue è il test allergico più opportuno?

Nella maggior parte dei casi, un prick test è perfettamente sufficiente per l'accertamento diagnostico dell'allergia. Tuttavia, soprattutto in caso di risultati di dubbia interpretazione è opportuno eseguire anche un esame del sangue. In alcuni casi l'esame del sangue viene condotto in alternativa al test cutaneo, ad esempio se il paziente rifiuta di eseguirlo oppure qualora considerazioni mediche lo sconsiglino.

 

Per quali allergie è indicato il test ematico?

Un test ematico fornisce indicazioni generali di un'allergia o l'evidenza di determinate sostanze responsabili di una sensibilizzazione, a seconda di quali valori vengono analizzati.

Nel sangue possono essere tra l'altro analizzati i seguenti allergeni:

  • Pollini
  • Acari della polvere
  • Muffe
  • Veleno di insetti
  • Peli degli animali
  • Alimenti
  • Medicamenti

Come avviene la diagnosi dell'allergia?

A seconda dei test eseguiti e del quesito diagnostico, i medici possono rilevare la presenza di sensibilizzazioni nel sangue sulla scorta di diversi metodi d'indagine. Per l'analisi esatta si preleva un campione di sangue, che verrà poi esaminato in un laboratorio medico.

Cosa viene analizzato nel sangue durante un test allergico?

Nel corso di un esame del sangue, il medico determina il cosiddetto livello di immunoglobulina E (IgE) del paziente. Un valore elevato può indicare la presenza di un'allergia, ma può comparire anche nei fumatori, in caso di infestazione da parassiti o in alcune malattie del sangue.

Quali sono i vantaggi di un test ematico?

Attraverso un test ematico vengono analizzati gli anticorpi IgE allergene-specifici, ad es. diretti specificamente contro pollini di betulla. Viene inoltre misurato il livello totale degli anticorpi IgE. Questo valore è utile per la diagnosi di allergia, ma può anche indicare un'infestazione da parassiti. Alcuni pazienti trovano il test ematico meno fastidioso e più rapido del prick test, dal momento che devono fornire soltanto un campione di sangue. L'analisi viene eseguita separatamente in laboratorio.

Sulla scorta dei risultati ottenuti, il medico può poi determinare quali sono i fattori responsabili dei disturbi allergici del paziente. Il risultato del test non consente però di far luce sul tipo e sulla gravità dei sintomi allergici individuali. In rari casi, la determinazione di anticorpi IgE allergene-specifici fornisce un risultato negativo nonostante l'effettiva presenza di un'allergia.

Il test allergico ematico comporta dei rischi?

Considerando la praticità della procedura del test ematico, questo esame non comporta per il paziente altri rischi se non quelli legati ad un normale prelievo di sangue.

Come per altri esami di laboratorio, anche in questo caso esiste il rischio che i risultati del test ematico non siano interpretati correttamente. È quindi tanto più importante che l'analisi del sangue sia sempre accompagnata da un'accurata anamnesi e, se possibile, da altri test.

Ultimo aggiornamento: 02/07/2020