L'organismo reagisce a diversi allergeni

Le allergie crociate

Cos'è un'allergia crociata?

Molte persone allergiche ai pollini manifestano un'allergia non soltanto ai pollini di alberi o graminacee, ma anche ad alcuni tipi di frutta, spezie o noci. Fate parte di questo gruppo? In tal caso potreste soffrire di una cosiddetta allergia crociata. Circa il 70% dei soggetti allergici ai pollini degli alberi è affetto anche da allergia crociata.

Si parla di allergia crociata quando gli anticorpi dell'immunoglobulina E (anticorpi IgE) del vostro sistema immunitario, diretti specificamente contro determinati allergeni, reagiscono anche ad allergeni simili provenienti da altre fonti allergeniche. Può ad esempio accadere che il sistema immunitario reagisca non soltanto ai pollini di alcuni alberi, graminacee o altre piante, ma anche ai componenti di alcuni frutti, spezie o noci in cui sono presenti allergeni simili. La diagnosi viene di solito formulata con l'ausilio di un test allergico, ma in molti casi le persone colpite si sono già accorte da sole di quanto sta avvenendo.

Allergietest online

Test allergico online

Soffrite di allergia?

Volete sapere subito se i vostri disturbi sono causati da un'allergia? In questo caso concedetevi un momento ed eseguite direttamente il test.

Maggiori informazioni
Facharztsuche

Ricerca di un medico specialista

Cercate un allergologo?

Desiderate curare la vostra allergia? Ecco dove trovare il medico più vicino a voi.

Maggiori informazioni

Le allergie crociate e le loro possibili combinazioni

Anche le allergie alimentari associate ai pollini si basano su allergie crociate.  Nella maggior parte dei casi, infatti, il sistema immunitario reagisce sia ai pollini che ad alcuni tipi di frutta, verdura o spezie. Nella pratica sono particolarmente diffuse le seguenti combinazioni:

Allergia a

Possibili allergie crociate

Pollini degli alberi

Mela, nocciola, carota, patata, ciliegia, kiwi, pesca noce, pesca, albicocca, prugna, sedano, soia, fico

Pollini di artemisia

Spezie, carota, mango, sedano, semi di girasole

Lattice naturale

Ananas, avocado, banana, patata, kiwi, pomodoro, castagna, prugna, mango, papaya, ciliegia Acerola, sedano

Acari della polvere

Crostacei e molluschi (ad es. cozze, lumache)

Piume d'uccello

Uova, pollame, frattaglie

Pollini di graminacee e cereali

Farina, crusca, pomodoro, legumi

Ambrosia

Melone, zucchina, cetriolo, banana

La reazione allergica può manifestarsi secondo modalità estremamente diverse, soprattutto nei confronti di alimenti:

  • Nei prodotti biologici, il contenuto di allergeni varia notevolmente a seconda della varietà, della regione di produzione, del grado di maturazione e della preparazione.
  • Le reazioni dei soggetti allergici sono altrettanto diversificate e individuali. In alcune persone anche minime tracce di un allergene possono provocare gravi reazioni. Oltre al contenuto di allergeni del prodotto, l'intensità dei sintomi dipende anche dalla condizione fisica e psicologica del soggetto allergico.

Suggerimenti per chi è affetto da allergie crociate

A causa delle caratteristiche individuali delle allergie crociate, è difficile fornire raccomandazioni generali.

I seguenti consigli possono forse aiutarvi a tenere sotto controllo la vostra allergia crociata:

• Consultate il medico per conoscere quali sono gli alimenti ai quali reagite in modo allergico
• Evitate di consumare questi alimenti
• A volte è sufficiente rinunciare a una certa varietà di mela o a determinati tipi di frutta durante il periodo di massimo carico pollinico
• Evitate lo stress e il consumo di bevande alcoliche. Entrambi possono intensificare le reazioni allergiche.

Quali sono i sintomi tipici delle allergie crociate agli alimenti?

Di solito un'allergia crociata si manifesta con la comparsa di disturbi durante o poco dopo il consumo di determinati alimenti.

Sintomi frequenti:

Gonfiore e prurito della mucosa orale e formazione di vescicole nel cavo orale come espressione della sindrome orale allergica. Tra i sintomi di un'allergia crociata vi sono anche raffreddore, congiuntivite, asma o arrossamento e formazione di pomfi a livello cutaneo. Salvo poche eccezioni, non si osservano invece reazioni allergiche nell'apparato digerente.

Prurito o starnuti senza fine? Non siete soli...

All'inizio molti sottovalutano il proprio raffreddore da fieno. I sintomi lievi e di breve durata possono però trasformarsi in una vera e propria allergia ai pollini degli alberi e/o delle graminacee più velocemente di quanto si pensi - e diventare un autentico tormento.

Come viene diagnosticata un'allergia crociata?

Il medico formula la diagnosi con l'ausilio di un test allergico, ad es. un test cutaneo come il prick test e/o un esame di campioni di sangue in laboratorio.

Allergiediagnose

Diagnosi di allergia

In presenza di allergia o di allergia crociata, gli anticorpi IgE del sistema immunitario reagiscono in modo eccessivo a sostanze che considera pericolose. Tale condizione viene accertata dal medico durante un test allergico. La situazione è diversa nelle intolleranze alimentari, ad esempio l'intolleranza al lattosio o all'istamina. In questi casi, l'organismo non possiede affatto o possiede solo in parte alcuni enzimi.

La maggior parte dei soggetti allergici ha comunque già osservato autonomamente quanto sta avvenendo prima della diagnosi vera e propria. Forse avete già notato reazioni allergiche dopo avere consumato alcuni alimenti, oltre ai vostri tipici sintomi del raffreddore da fieno, durante l'esposizione ai pollini?

Ultimo aggiornamento: 28/06/2020