L'allergia al veleno di insetti

Siete allergici alle punture d'insetto?

Tutto ciò che è importante sapere sull'allergia al veleno di insetti

La puntura di un insetto, pur sgradevole e dolorosa, normalmente non è però motivo di preoccupazione. A meno che non siate allergici. Chi conosce le spiacevoli conseguenze di un'allergia alle punture d'insetto, può facilmente farsi prendere dall'ansia. Alcune persone reagiscono al veleno di insetti in modo così violento che, in assenza di intervento medico, nel giro di pochi minuti si verifica una situazione tale da mettere a repentaglio la vita. Quando si manifestano questi sintomi allergici estremi, si parla di shock anafilattico , che per fortuna è però estremamente raro.

Qui potete trovare tutte le informazioni sull'allergia al veleno di insetti, i relativi sintomi e le opzioni di trattamento.

Siete allergici al veleno di insetti? Scopritelo.

Le reazioni allergiche al veleno di alcuni insetti possono manifestarsi con intensità diverse.  In meno del 3,5 per cento di tutti i casi, le punture d'insetto scatenano reazioni sistemiche, vale a dire sintomi che colpiscono l'intero organismo e che, in situazioni estreme, possono causare un'anafilassi con esito potenzialmente letale. Un individuo su quattro manifesta piuttosto i sintomi dell'allergia al veleno di insetti con un aumento di reazioni locali, ad es. un gonfiore più marcato del solito nel punto in cui è stato punto. Un gonfiore che supera i dieci centimetri di diametro e che persiste più di 24 ore può essere un'indicazione di possibile allergia.

Facharztsuche

Ricerca di un medico specialista

Cercate un allergologo?

Desiderate curare la vostra allergia? Ecco dove trovare il medico più vicino a voi.

Maggiori informazioni
Allergietest online

Test allergico online

Soffrite di allergia?

Volete sapere subito se i vostri disturbi sono causati da un'allergia? In questo caso concedetevi un momento ed eseguite direttamente il test.

Maggiori informazioni

La diagnosi di un'allergia al veleno di insetti si basa su due elementi: l'anamnesi e l'evidenza di una corrispondente sensibilizzazione. Attraverso l'anamnesi, ossia l'esame della precedente storia clinica del paziente, il medico curante intende accertare se si sono già manifestate reazioni anafilattiche e di quale entità. Dopo una reazione allergica, per il medico è importante acquisire informazioni quanto più accurate possibili sulle circostanze e sulla situazione, ad esempio sul tipo di insetto e sul periodo di tempo intercorso tra la puntura e la reazione allergica.

Diagnosi

Le reazioni allergiche al veleno di alcuni insetti possono manifestarsi con intensità diverse. Le punture di insetti possono scatenare sintomi che colpiscono l'intero organismo e che, in situazioni estreme, possono causare un'anafilassi con esito potenzialmente letale. Un individuo su quattro manifesta piuttosto i sintomi dell'allergia al veleno di insetti con un aumento di reazioni locali, ad es. un gonfiore più marcato del solito nel punto in cui è stato punto. Un gonfiore che supera i dieci centimetri di diametro e che persiste più di 24 ore può essere un'indicazione di possibile allergia.

Sintomi tipici e pericoli di un'allergia al veleno di insetti

L'arrossamento della pelle attorno alla sede della puntura e la comparsa di un pomfo sono reazioni normali alla puntura di un insetto. Queste manifestazioni si risolvono nel giro di poche ore o giorni anche in assenza di trattamento.

Per andare sul sicuro, è consigliabile che consideriate sempre tutti i sintomi diversi da quelli descritti come possibili indicazioni di un'allergia al veleno di insetti, a meno che tale condizione non sia già stata esclusa da risultati di opportuni test.

Rispetto alle allergie inalatorie (ad es. allergia ai pollini o agli acari della polvere), un'allergia al veleno di insetti può provocare reazioni dell'organismo particolarmente intense. Le reazioni anafilattiche possono arrestarsi spontaneamente in qualsiasi stadio della sintomatologia, ma anche progredire fino all'insorgenza di shock anafilattico. Questa imponderabilità rende difficile valutare correttamente la situazione. Per questo motivo è importante agire rapidamente quando si manifestano, ad es., i seguenti sintomi:

 

Disturbi più lievi possono indicare l'inizio di una reazione anafilattica:

  • Prurito o bruciore sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi o nella zona dei genitali, sapore metallico, sensazione d'ansia, mal di testa o disorientamento.

 

Sintomi di una reazione anafilattica:

  • Orticaria e arrossamento della pelle o delle mucose
  • Prurito o bruciore, in gola o sulla lingua
  • Gonfiori al collo e sul viso
  • Nausea, vomito, crampi addominali, diarrea
  • Secrezione nasale, raucedine, affanno
  • Gravi disturbi respiratori
  • Vampate di calore
  • Senso di debolezza
  • Vertigini

Solitamente questi sintomi di allergia al veleno di insetti sono chiaramente riconoscibili pochi minuti o addirittura pochi secondi dopo la puntura dell'insetto e rappresentano un pericolo particolarmente grave in quanto possono portare ad uno shock anafilattico potenzialmente letale. Per evitare che ciò accada o almeno affinché siano tempestivamente avviate le necessarie contromisure, in questi casi è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza.

Quali sono gli insetti particolarmente pericolosi per i soggetti allergici?

Le allergie al veleno di insetti si manifestano soprattutto nella stagione estiva, quando si trascorre molto tempo all'aperto e gli insetti volano ovunque. In Svizzera sono soprattutto le punture di api e vespe a provocare reazioni allergiche più o meno gravi. Più rare, ma da prendere ugualmente sul serio, sono le reazioni allergiche alle punture di calabroni o bombi.

 

Le gravi anafilassi segnalate nelle regioni di lingua tedesca sono principalmente riconducibili alle punture di vespe. L'Ufficio Federale di Statistica registra ogni anno circa 20 decessi dovuti alla puntura di api, vespe o calabroni. Oltre alle specie di insetti sopra citate, sono noti anche casi di reazioni allergiche causate da alcune specie di formiche, ad esempio la grande formica rossa.

 

Come posso trattare la mia allergia al veleno di insetti?

Siete affetti da un'allergia al veleno di insetti? In questo caso è consigliabile prestare particolare attenzione e naturalmente evitare il più possibile le punture d'insetto. Dal momento che ciò non è sempre possibile, a causa delle possibili reazioni allergiche è opportuno che vi procuriate un kit d'emergenza e che in estate lo teniate sempre a portata di mano.

Il kit include sempre una siringa autoiniettante di adrenalina, glucocorticoidi e antistaminici ad azione rapida. Per potere trattare la puntura di un'ape o di una vespa, si raccomanda di esercitarsi nell'utilizzo della siringa autoiniettante di adrenalina con l'ausilio di cosiddetti simulatori senza ago, che non contengono medicamenti. La maggiore dimestichezza da parte vostra, o del soggetto allergico del vostro nucleo famigliare, con questo dispositivo ne semplifica l'uso durante una reazione allergica.

Oltre al trattamento sintomatico acuto, anche la desensibilizzazione riveste una grande importanza. In definitiva, infatti, è possibile ridurre nel lungo termine il rischio di una reazione allergica potenzialmente letale soltanto con un'immunoterapia specifica. Nel caso ideale, questa terapia è in grado di ridurre a lungo termine o addirittura arrestare completamente gli spiacevoli e talvolta pericolosi sintomi di un'allergia al veleno di insetti, condizione particolarmente importante se si è esposti a un maggiore rischio di punture d'insetti, ad es. a causa della propria professione o delle proprie condizioni di vita. Ciò vale per gruppi professionali come gli apicoltori e i lavoratori forestali, gli agricoltori, i giardinieri e coloro che vendono frutta e prodotti da forno.

Fate parte dei gruppi di soggetti particolarmente a rischio e siete allergici alle punture di insetti? In questo caso è consigliabile che vi informiate presso il vostro allergologo sulla possibilità di sottoporvi a un trattamento di desensibilizzazione. Soltanto in questo modo è possibile ottenere una protezione adeguata a lungo termine.  La durata raccomandata della terapia è compresa tra 3 e 5 anni.

Per ulteriori informazioni sul tema dell'allergia al veleno di insetti, consultare il sito web https://www.initiative-insektengift.ch

I punti salienti in breve

Sebbene le allergie al veleno di insetti si manifestino più raramente rispetto alle allergie ai pollini, agli acari della polvere o ai peli degli animali, esse sono tuttavia associate ad un rischio maggiore di insorgenza di reazioni allergiche particolarmente gravi. È quindi estremamente importante prendere molto seriamente una puntura d'insetto che presenti sintomi che vanno al di là del normale dolore, di un arrossamento locale circoscritto e della formazione di piccoli pomfi. È consigliabile che le persone colpite fissino rapidamente un appuntamento con un allergologo o, in presenza di questi sintomi, chiamino subito un'ambulanza. In caso di allergia accertata al veleno di insetti, è necessario portare sempre con sé un kit d'emergenza. Nel lungo termine, è consigliabile considerare la possibilità di sottoporsi ad un trattamento di desensibilizzazione per instaurare una protezione nei confronti degli allergeni del veleno di insetti.

Ultimo aggiornamento: 27/06/2020